Calciopoli. Meani e la designazione di Puglisi (art. 6 sparato) - AntonioCorsa.it

Calciopoli. Meani e la designazione di Puglisi (art. 6 sparato)

Pochi lo ricordano, ma le sentenze sportive di Calciopoli, nel 2006, hanno giudicato, tra gli altri, Meani (e quindi il Milan) colpevoli di aver commesso un articolo 6 “sparato”, forse il più clamoroso di tutta l’inchiesta. L’addetto agli arbitri rossonero è riuscito, unico caso nella storia, ad ottenere su richiesta gli “amici” Puglisi e Babini come assistenti di Milan-Chievo del 20 aprile 2005. Puglisi, in particolare, era già stato designato per un altro incontro ma, nonostante ciò, tra l’incredulità di tutti i colleghi (in particolare di Collina), le pressioni esercitate sui designatori furono tali da far cambiare una designazione già effettuata e addirittura comunicata.

Nei seguenti files audio, inspiegabilmente mai diffusi dai media finora e pubblicati solo questo pomeriggio da qualcuno su youtube, vi è la migliore testimonianza diretta di questa storia incredibile che vorrei condividere meglio con voi sfruttando l’uscita di queste telefonate.

Siamo nella settimana che va dalla dodicesima alla tredicesima giornata di Campionato della Stagione 2004/05 e il Milan ha appena giocato e perso malamente a Siena. Comincia allora il “lavoro” di Leonardo Meani.

17 APRILE 2005

Alle ore 18.01 Meani telefona a Gabriele Contini, un assistente. Per evitare di essere tacciato di faziosità, vi riporto direttamente l’informativa del gennaio 2006 dei Carabinieri (pag. 222) così come pubblicata da L’Espresso nel Libro nero del calcio, nella quale viene compendiata la telefonata.

Image2

Subito dopo, alle ore 18.13, Meani chiama Gennaro Mazzei, il designatore degli assistenti (per loro non c’era sorteggio) dell’epoca, per lamentarsi a gran voce. Anche qui vi riporto l’informativa:

Image3

La telefonata si interrompe perchè cade la linea. Sei minuti dopo, alle 18.19, i due si risentono. Pubblico nuovamente il compendio dei Carabinieri.

Immagine-4Qui l’audio, per poter seguire.

18 APRILE 2005

L’attività di Meani inizia presto, alle ore 9.58. La prima telefonata è con Claudio Puglisi, assistente “ultrà del Milan” (cit.), per lamentarsi ancora del torto subito. Di seguito il compendio:

Image7Image9

Finito? No, siamo solo all’inizio.. Alle 10.15, a meno di un’ora dall’inizio del sorteggio, Leonardo Meani telefona nuovamente a Gennaro Mazzei per rifare pressioni sulla designazioni, e chiedere gli assistenti giusti.

Image11

In una intercettazione delle 10.47, Bergamo confida a Pairetto di aver cambiato una designazione rispetto a quelle previste perchè Meani ha fatto pressione su Mazzei. E annuncia di aver messo Puglisi, come da loro richiesto.

Image15Image13

Alle ore 11.25, Meani richiama Puglisi per informarlo del fatto che probabilmente sarà desginato lui con Paparesta e forse Gemignani, per la gara successiva.

Image19

Alle 11.29 Meani riceve un sms da Manfredi Martino, segretario Can, nella quale gli viene comunicato ufficialmente che l’arbitro di Milan-Chievo sarà Paparesta, con Puglisi e Gemignani assisenti.

Image18

Nel frattempo accade una cosa assurda. La designazione cambia. Al posto di Gemignani, Meani riesce a fare “doppietta” inserendoci anche Babini.

Alle 11.40 Meani chiama Babini e gli comunica trionfante il successo della sua operazione. Babini è molto reticente, quasi schifato “è tutta una porcheria”, sicuramente preoccupato tanto che Meani deve rassicurarlo. Meani conclude con uno “Non sei contento di venire a fare il Milan, pirla? Vieni da me a trovarmi?”

Image22Image24

Alle 11.45 Meani telefona a Puglisi e lo informa del cambio di assistente e delle preoccupazioni di Babini.

Image26Image30

Alle 12.00, Bergamo chiama Mazzei per informarlo delle variazioni apportate alle designazioni degli assistenti e suggerisce di chiamare Meani sia per dirgli di aver punito Copelli (che sbagliò contro il Brescia) sia per informarlo di aver designato Puglisi, come chiesto.

Image232

Alle 12.14 Meani chiama Collina per lamentarsi della designazione di De Santis di Juventus-Inter (in realtà De Santis svantaggerà la Juventus..) e, alla fine, l’argomento verte sul futuro di Collina (i due si accordano per un incontro segreto tra Galliani e l’arbitro nel ristorante di Meani (il giorno di chiusura). Meani fa finta di non sapere ancora le designazioni e chiede a Collina di informarlo.

jkkjjkjkjk

Alle 13.27 Collina richiama Meani per commentare la designazione arbitrale. Dire che è incredulo non rende l’idea.

Image2ddd

Ascoltate pure l’audio, perchè è più significativo di mille parole. E notate pure che Collina informa Meani di aver tentato inutilmente di contattare Galliani per accordarsi sull’appuntamento.

Chiudo questa analisi con l’ultimo esempio di stupore, ed è dell’arbitro Domenico Messina, che chiama anche lui Meani per deriderlo alle 16.05.

Image4dssfdsfd

Mezza CAN si lamenterà definendo la designazione una “designazione del Milan”. Non riporto tutte le telefonate di sfottò e stupore perchè servirebbero molte più pagine di queste. Più prova di così cosa serve? Forse un audio?

19 APRILE 2005

Vi lascio allora con una telefonata, anche questa mai ascoltata finora, con la quale Meani comunica a Galliani il successo dell’operazione. “Dio bono altro che parlato.. non ha visto che.. c’era in macchina Ancelotti gli bestemmiavo dietro, parolacce, di tutti i colori glie ne ho fatte tant’è vero che alla fine Ancelotti mi fa ma cosa gli dici!”. Di seguito il compendio dei Carabinieri e poi un’altro inedito, la telefonata.

19aprile

Qui vi faccio notare due cose, che sentirete nell’audio: la prima è che Galliani chiede dei due “ex” (notate l’ex) designatori (è chiaro il riferimento al futuro di Collina), e il secondo è la fine, quando Galliani dice che avrebbe telefonato lui a Collina (fatto questo che non compare nella informativa, stranamente. E sarebbe stato un contatto diretto Galliani-arbitro). Vi lascio all’audio:

A voi le conclusioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.