Caso Buffon. Gli errori (ripetuti) di Travaglio - AntonioCorsa.it

Caso Buffon. Gli errori (ripetuti) di Travaglio

Oh, tra i tanti professoroni che hanno detto la loro sulla situazione di Gigi Buffon non poteva ovviamente mancare “lo juventino” Marco Travaglio. A sto giro ci ha deliziato addirittura con numero due articoli a tema, uno originale e uno con tanto di replica stizzita alle critiche piovutegli. Mi unisco al giochino. Iniziamo dal primo articolo. Ritaglio e commento esclusivamente la parte relativa a Buffon, perchè a trattarle tutte uscirebbe un papiro troppo lungo e illeggibile.

Anche Buffon fa un’uscita che pare un’entrata, giustificando i pareggi in saldo di fine stagione (“due feriti sono meglio di un morto”) e sparando a zero sui pm e i giornalisti per i “blitz annunciati” e le “fughe di notizie” (verbali depositati e dunque non segreti).

Posso comprendere il primo commento. Essendo un giornalista “vicino alle procure” e al loro modo di pensare, una bacchettata per la frase “due feriti sono meglio di un morto” ci potrebbe pure stare. Meno quel “verbali depositati e dunque non segreti”.

Ci torneremo dopo, ma anticipo che su Conte, ad esempio, sono stati pubblicati atti dell’indagine prima ancora che lo stesso fosse stato avvisato dell’esistenza, appunto, di un’indagine a suo carico. Il che non solo è illegale, non solo è sbagliato eticamente, ma è persino controproducente per l’indagine stessa (così almeno dovrebbe ragionare un giornalista davvero “vicino alle procure”, almeno). Ma andiamo avanti.

Due giorni dopo un rapporto della Finanza rivela che Buffon ha scommesso 1 milione e mezzo in 10 mesi in una tabaccheria di Parma, come già nel 2006 in piena Calciopoli.

Quello che rivela è virgolettato. “Non è possibile escludere a priori che il soggetto abbia posto in essere un’intensa attività finanziaria legata al mondo delle scommesse sportive”. Il che ovviamente è profondamente diverso dalla “sentenza” di Travaglio.

Se si provasse che scommetteva su partite di calcio, avrebbe violato il codice sportivo e verrebbe squalificato.

La frase corretta dovrebbe essere: “Se si provasse che l’intensa attività finanziaria fosse legata al mondo delle scommesse sportive, e se si provasse successivamente che tali scommesse riguardassero partite di calcio, avrebbe violato il codice sportivo e verrebbe squalificato.

Ma i suoi legali, anziché escludere subito questa evenienza e spiegare su cos’altro scommetteva, vaneggiano di “privacy violata”.

Travaglio e chi per lui, proprio a proposito di privacy violata, farebbero bene a leggere un passaggio della richiesta atti della Procura di Torino che così facilmente in troppi hanno pubblicato e commentato: “Avendo questo ufficio in corso ulteriori attività investigative al riguardo, rispetto a soggetti che a tutt’oggi non risultano a conoscenza delle medesime”. Un giornalista davvero “vicino alle procure”, ci avrebbe pensato più volte prima di rovinare – e l’hanno fatto – un’indagine in corso. E’ questa la vera privacy violata: la segretezza dell’indagine. Ciò detto, i legali di Buffon (che poi è uno, c’è pure scritto il nome) non si sono affatto lamentati: hanno spiegato alla Banca che si trattasse di operazioni “a tutela del patrimonio personale di Buffon” e, non essendo la Banca una procura (tradotto: non erano affatto tenuti a dare spiegazioni), si sono riservati di non dettagliarne l’oggetto nel più classico dei “so’ cazzi nostri”.

E Agnelli, anziché far luce sulle scommesse del suo portiere nonché capitano della Nazionale, strilla alla giustizia a orologeria: “Singolare che l’informativa esca proprio ora”. E quando avrebbe dovuto uscire, di grazia?

Mai. Al limite a conclusione delle indagini.

Qui lo scandalo sono eventualmente le scommesse, non la notizia.

Qui si è dimenticato: “riguardanti partite di calcio”. Succede, la fretta.

Oltre a parlare come un Berlusconi qualsiasi (infatti Giornale e Libero titolano: “Vendetta dei pm su Buffon”), Agnelli non s’accorge che “a orologeria” potrebbe essere l’uscita preventiva di Buffon. Sapendo di avere scommesso cifre esorbitanti e sospettando di essere stato scoperto, il portiere potrebbe aver giocato d’anticipo attaccando i pm per gabellare l’indagine per una ritorsione. Ma a questo punto si fa strada l’ipotesi più inquietante di tutte: che Andrea Agnelli i testi se li scriva da solo.

Qui ci torniamo dopo. Sì, perché c’è anche una replica. Nella quale Travaglio sostiene, contraddicendosi, che i legali di Buffon fossero a conoscenza delle indagini. E quindi: come si può sostenere un giorno che Buffon abbia avuto una sparata “ad orologeria” perché sospettasse di essere stato “scoperto” e quello successivo dire che già lo sapesse?

Ad ogni modo il secondo editoriale lo potete leggere qui. Anche in questo caso ritaglio e commento solo la parte relativa a Buffon.

E’ vero che nessuna sentenza ha ancora accertato se Buffon abbia versato tutti quei soldi alla nota tabaccheria di Parma per scommettere e, in quel caso, se puntasse su partite di calcio (violando il divieto del codice sportivo) o su altri eventi (restando nella legalità). Ma la Procura di Torino, nella lettera di trasmissione del rapporto a quella di Cremona, firmata dal pm Cesare Parodi, afferma di ritenere che quelle “ingenti somme di denaro”, per le modalità dei versamenti e per le giustificazioni diverse e in parte contraddittorie (tutela del patrimonio personale, operazioni immobiliari, acquisto di orologi) date dai legali di Buffon quando mesi fa furono informati dell’indagine, Buffon le abbia “utilizzate per scommesse presentate avvalendosi di soggetti terzi”.

L’atto che Travaglio cita ha ad oggetto “richiesta copia atti”. La procura di Torino non invia il carteggio a quella di Cremona, ma è l’esatto contrario, ovvero chiede a quella di Cremona la trascrizione di un’intercettazione pubblicata da un giornale (ovviamente in Italia funziona così: le procure si informano tramite giornali e li citano pure) e dalla quale pare Buffon possa essere coinvolto nelle scommesse perchè nominato in una telefonata (assieme a Gattuso e Cannavaro), circostanza già chiarita (una millantata).

Non solo: il legale di Buffon (è sempre uno, ed è sempre citato) non risponde con giustificazioni “in parte contraddittorie”, come detto prima, ma non risponde perchè a chiedergli chiarimenti non è la Guardia di Finanza o un Pm, ma l’istituto bancario che segnala la movimentazione sospetta.

Inoltre dire “quando mesi fa furono informati dell’indagine” è sbagliato. Formalmente, nè Buffon nè il suo legale lo sono, neppure oggi (ma, e torniamo a prima, ormai ci si informa tramite giornali).E qui torniamo alla considerazione di prima: ma non si era detto che Buffon avesse fatto la sparata “ad orologeria” sospettando di essere stato scoperto? Ora si dice lo sapesse già da”mesi fa”? Scelga una busta, Travaglio, ma che sia quella.

Quindi è falso che la Guardia di Finanza e la Procura di Torino o altre autorità escludano l’uso del denaro a fini di scommesse: anzi affermano esattamente il contrario (nell’informativa la parola scommesse è citata un bel po’ di volte, e solo l’esistenza di scommesse giustifica la trasmissione degli atti alla Procura di Cremona, che sul calcioscommesse indaga e dove altri atti presentano Buffon come uno scommettitore).

Come già detto, non c’è alcuna trasmissione degli atti alla procura di Cremona. Anzi, a dirla tutta, Cremona risponde alla richiesta (di Torino) di trasmissione di atti specificando come “Allo stato questo ufficio non ha in programma iniziative investigative nei confronti del predetto Buffon, che non risulta tra gli indagati”. Quindi non vi è alcun altro atto che presenta Buffon come uno scommettitore se non una telefonata che la stessa procura di Cremona smonta nella risposta chiarendo appunto la posizione di non indagato di Buffon.

Siccome faccio il giornalista e non il giudice, e siccome Buffon fu già beccato a scommettere nel 2006 (procedimento archiviato perché non si dimostrò che scommettesse anche su partite del calcio italiano), ho tutto il diritto di parlare di “scommesse di Buffon”, come ho fatto, anche se ho precisato che al momento non si sa su cosa avvenissero le puntate (che potrebbero anche essere lecite, sia per la giustizia ordinaria sia per quella sportiva).

Si ha tutto il diritto di ipotizzare o, meglio, di chiarire come vi sia un’indagine in corso. Non di sentenziare, tra l’altro in maniera così disinformata. Ma si tratta di Travaglio e per definizione lui è quello informato e nel giusto, e gli altri tutti ladri, corruttori e brutti dentro.

Facciamocene una ragione: lui può.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.