Aliens - AntonioCorsa.it

Aliens

M’immagino un alieno sbarcato ieri mattina per puro caso in Italia. Mette a punto l’apparecchietto per la traduzione italiano-marziano e si mette lì ad ascoltare e guardare i nostri comportamenti prima e dopo il derby di Torino. E vede un allenatore che impazzisce in campo per una decisione arbitrale che comunque live era difficile perchè vedi uno che entra in scivolata e l’avversario che vola via, e anche a livello regolamentare c’era da usare discrezionalità per valutare l’eccesso eventuale di foga, la posizione eventuale del piede, ecc.. Poi sente mezzo stadio gridare “zingaro di merda”. Poi a fine partita lo stesso Mihajlovic che non sazio insulta ex giocatori e giornalisti e invita tutti a casa sua per una scazzottata, mentre un tecnico RAI fuori onda ma in cuffia chiama Benatia “marocchino di merda”. Il tutto mentre Glik è alla tv a tifare Toro e a mettere “mi piace” ai tweet di imbecilli che gli chiedono di azzoppare Dybala con un’entrata assassina delle sue. E dire che gli poteva pure capitare di peggio. Poteva pure decidere chessò di anticipare di qualche giorno e si sarebbe beccato pure le scritte offensive contro le vittime di Superga, o gli ululati di San Siro contro Koulibaly, o quelli dell’Olimpico contro Rudiger. E i manichini appesi a Roma, certo, con tanto di minacce. O Muntari che lascia il campo dicendo che se non fosse stato un arbitro quello che lo aveva ammonito, lo avrebbe messo a riposo perenne sotto terra. Il tutto mentre le cronache riportavano che tra i 10 coglioni che lo insultavano per il colore della sua pelle, ci fossero pure due bambini. L’alieno si scandalizzerebbe, forse. Noi no. Pronti per una nuova settimana da bestie in calore. Ed è questa la cosa sconvolgente. Siamo ancora a parlare di moviole e contromoviole. Come se fossero la cosa più importante e vergognosa successa ieri e settimana scorsa. Incredibile.